Skip to main content

Riconoscimento delle qualificazioni ISIPM per l’accesso alla prova di esame di certificazione di Project Manager riconosciuta da ACCREDIA.

ISIPM e ISIPM Professioni annunciano che sono state approvate da ACCREDIA le nuove linee guida per la certificazione di Project Manager secondo la UNI 11648:2022.

Si ricorda che la stessa norma, oltre a definire i requisiti relativi all’attività professionale del Project Manager, specifica i compiti, le attività ed i contenuti in termini di conoscenze e abilità, identificando il livello di autonomia e responsabilità in coerenza con il Quadro Nazionale delle Qualificazioni (QNQ).

Le competenze del Project Manager sono relative al contesto di progetto, con approccio tecnico-metodologico e comportamentale tipico del project management.

Fra le competenze tecnico-metodologiche e di contesto generale di progetto – nella norma UNI 11648:2022 –  figurano quelle relative alle pratiche integrate di project management nonché le pratiche gestionali entrambe declinate nella UNI ISO 21502:2021,

Alla luce delle novità introdotte, ACCREDIA ha definito le modalità di transizione a cura degli Organismi di Certificazione (OdC) in possesso di schema accreditato per il rilascio della certificazione del Project Manager. In particolare si confermano i requisiti minimi  previsti dalla UNI 11648:2022 per l’accesso all’esame di certificazione che in sintesi riguardano:

  • apprendimento non formale: conoscenze nella disciplina del project management acquisite in un percorso formativo di almeno 35 ore.  preventivamente riconosciuto in fase d’istruttoria dall’OdC in relazione al programma dei contenuti;
  • apprendimento informale: esperienza lavorativa documentata, cioè aver svolto il ruolo di project manager per almeno 2 anni negli ultimi 6 anni di esperienza lavorativa oppure almeno 1 anno come project manager negli ultimi 10 anni di esperienza lavorativa più almeno 3 anni in gruppi di project management.

L’esame  consiste in due prove scritte della durata minima di tre ore, ed una prova orale con la presentazione di una relazione riguardante un proprio progetto.

A tal proposito la circolare ACCREDIA consente di applicare alcune riduzioni all’iter di approvazione della domanda di esame qualora il candidato in fase istruttoria presenti evidenza di attestazioni e qualificazioni riconosciute del project management a livello nazionale e/o internazionale, i cui contenuti risultino allineati a quelli alle norme UNI ISO 21500 e UNI ISO 21502.

In particolare vengono riconosciute valide, al fine di detta riduzione:

  • ISIPM-Base → Prima prova scritta
  • ISIPM-Av → Prima e Seconda prova scritta

Pertanto chi è in possesso della qualificazione ISPM-Av può accedere direttamente all’esame orale di certificazione con OdC nel rispetto degli altri requisiti su indicati per i quali si rimanda alla norma UNI 11648:2022.

In chiusura, ISIPM e ISIPM Professioni rilevano come le nuove linee guida Accredia rappresentino un riferimento essenziale per tutti i soggetti, pubblici e privati, che intendano promuovere la gestione progetti e la figura certificata di Project Manager in un quadro nazionale delle competenze avente carattere omogeneo e riconosciuto.

Pubblicate in Gazzetta Ufficiale le nuove linee guida sulle professionalità necessarie al settore pubblico: meno esperti amministrativi e più esperti digitali, e-procurement e project management

Pubblicate in Gazzetta Ufficiale le nuove linee guida sulle professionalità necessarie al settore pubblico:  meno esperti amministrativi e più esperti digitali, e-procurement e project management

Col DM del 14/09/2022  sono arrivate importanti novità per i fabbisogni professionali nelle amministrazioni pubbliche. Le nuove assunzioni non consisteranno più nella sostituzione di vecchie figure con altre identiche, ma guarderanno al futuro, alle nuove competenze che devono sostenere la trasformazione della Pa prevista dal Pnrr. Un processo che si tradurrà in una progressiva riduzione delle figure amministrative aspecifiche a favore, ad esempio, di esperti del digitale, di e-procurement, di transizione verde, di project management. 

A questo puntano le “Linee di indirizzo per l’individuazione dei nuovi fabbisogni professionali da parte delle amministrazioni pubbliche”, pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 14 settembre 2022 in aggiornamento alle linee guida del 2018. Il decreto interministeriale, firmato dal ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta e dal ministro dell’Economia Daniele Franco, è immediatamente esecutivo. Da ora in avanti, dunque, le amministrazioni pubbliche dovranno individuare il proprio fabbisogno di capitale umano considerando non solo le conoscenze teoriche dei dipendenti (sapere), ma anche le capacità tecniche (saper fare) e comportamentali (saper essere). 

Nel dettaglio, il documento di 37 pagine, diviso in tre sezioni, prevede alcune novità sostanziali: la gestione per competenze, l’adozione di un modello di fabbisogno incentrato sui “profili di ruolo” e l’illustrazione di esperienze di questo tipo già presenti in pubbliche amministrazioni nazionali e internazionali. 

Dalla conoscenza alla competenza

L’esigenza di una maggiore efficienza e di snellimento burocratico-organizzativo della Pa italiana è stata più volte richiamata dalla Commissione europea ed è uno degli obiettivi indicati dal Pnrr. Per raggiungere questo risultato occorre intervenire sul personale superando il “mansionismo”, inteso come l’attribuzione al personale di compiti rigidamente definiti e standardizzati, che diventano un limite all’azione amministrativa.

La definizione dei nuovi profili professionali è, dunque, il punto qualificante del documento, che aiuta le amministrazioni a sostituire progressivamente le figure amministrative generiche con figure specifiche come esperti digitali, dell’e-procurement, di project management, di transizione ecologica e così via. Ciò consentirà di superare gli automatismi e di effettuare le assunzioni sulla base delle nuove competenze utili a sostenere le transizioni amministrativa, digitale e ambientale.

Dal profilo alla “famiglia” professionale

Una visione flessibile e adattabile alle diverse amministrazioni, come esemplificato nelle linee guida, che può adattarsi anche al superamento del concetto di “profilo professionale” che il nuovo contratto collettivo nazionale delle Funzioni centrali ha scelto di operare, aggiornandolo alla nozione di “famiglia professionale”, che si presta a raccogliere una pluralità di profili di ruolo o di competenza, in base alla complessità dell’organizzazione. In questo approccio le competenze non si esauriscono nelle conoscenze acquisite o maturate nel tempo, ma consistono anche nel “come” le conoscenze vengono utilizzate nello svolgimento del lavoro e, quindi, nelle capacità, nelle abilità, nelle attitudini, e sono influenzate dai valori e dalle motivazioni che i singoli debbono possedere per interpretare in maniera efficace, flessibile e dinamica il proprio ruolo nell’organizzazione.

La  famiglia professionale è l’ambito in cui i dipendenti hanno competenze o conoscenze comuni. Per esempio, in relazione all’area dei funzionari del nuovo contratto Funzioni centrali sottoscritto il 9 maggio 2022, un ministero potrebbe individuare la famiglia dei “funzionari di ambito giuridico” e, al suo interno, declinare vari ruoli ad esempio legati al diritto dell’ambiente o al diritto sindacale. Il profilo di ruolo è proprio la descrizione delle “finalità, responsabilità e competenze” di un determinato ruolo.

Maggiore attenzione alle “soft skill”

Al dipendente pubblico non si chiederà più semplicemente il possesso di nozioni teoriche, ma anche la capacità di applicarle ai casi concreti (sapere fare) e di mantenere una certa condotta (saper essere). Avrà sempre più importanza, quindi, la capacità di individuare, misurare e far crescere queste dimensioni. Nelle procedure selettive occorrerà, di conseguenza, valutare anche aspetti normalmente trascurati, quali, per esempio, la capacità di innovare le procedure amministrative, lavorare in squadra e prendere decisioni in modo autonomo. Queste “soft skill” saranno valutate nei prossimi concorsi, come previsto dalle nuove norme introdotte con i decreti legge 80/2021 e 36/2022, attraverso metodologie consolidate e avranno maggiore peso nei percorsi formativi e di carriera.

Scarica il documento